sabato 26 Settembre 2020
More

    Verso un’Alba di Pace: la marcia notturna

    Questa notte – tra il 13 e il 14 agosto – si svolgerà la V edizione della silenziosa marcia notturna da Alessano a Santa Maria di Leuca.

    Quest’anno non sarà possibile partecipare assieme a migliaia di persone che, con le fiaccole accese, illumineranno una delle notti più straordinarie dell’anno, quando volgendo il capo all’insù sarà possibile ammirare le “lacrime di san Lorenzo”, spettacolo di stelle cadenti.
    Questa 5a edizione, segnata dall’emergenza pandemica da Covid-19, vedrà partire soltanto 25 giovani che, intorno alle 2 del mattino, simbolicamente muoveranno i propri passi dalla Tomba del profeta di Pace don Tonino Bello per giungere all’alba sul piazzale del Santuario De Finibus Terrae.

    Il percorso seguirà la “Via dei Pellegrini“, attraverso stradine rurali costellate dalla presenza di numerose cripte, cappelle e chiese intitolate alla Vergine Maria, parte della via Leucadense che – insieme alla via Traiana Calabra e alla messapica via Sallentina – rappresentano il cuore del programma “Cammini di Leuca”, ambizioso programma di rigenerazione e riqualificazione cui la Fondazione “De Finibus Terrae” dedica ogni energia dal 2016, di concerto con le comunità locali.

    L’arrivo a S.Maria di Leuca dei partecipanti alla Marcia è previsto alle prime luci dell’alba, intorno alle ore 6.00 e, successivamente, dopo la solenne celebrazione eucaristica sul piazzale del Santuario, prevista alle ore 7.00 e presieduta da Mons. Vito Angiuli, Vescovo di Ugento – Santa Maria di Leuca, avverrà la proclamazione della Carta di Leuca 2020: “Un mare di solidarietà”.

    Un’edizione particolare, senza dubbio, ma non meno ricca di significati e di speranze per un futuro di Pace e di fraternità nel Mediterraneo: pur se principalmente online, “Carta di Leuca” continua a proporre ai giovani un momento di crescita importante, nel cuore dell’estate, per potersi confrontare e parlare di solidarietà, sviluppo sostenibile e pari opportunità, in un luogo – Santa Maria di Leuca – all’incrocio fra Oriente e Occidente.